Jaufré Rudel de Blaia
Canzoni

  No sap chantar qui.l son no di (versione metrica)

Quan lo rius de la fontaina (versione letterale e versione metrica)

Lanqan li jorn son long en mai (versione letterale)

Quan lo rossinhols el folhos (versione letterale)

Belhs m'es l'estius e.l temps floritz (versione letterale)

Pro ai del chan ensenhador (versione letterale)

Qui non sap esser chantaire (versione letterale)

Lanquan lo temps renovelha (versione metrica)


torna alla pagina principale
[Accademia Jaufré Rudel - Homepage]



No sap chantar qui.l son no di

2.      Nulhus hom no.s meravilh de mi,  
s'ieu am so que ja no.m veira, 
que.l cor joi d'autr'amor non a 
mas de cela qu'ieu anc no vi; 
ni per nulh joi aitan no ri, 
e no sai quals bes m'en venra, a, a.


3.      Colps de joi me fer, que m'ausi, 
e ponha d'amor que.m sostra 
la carn, don lo cors magrira; 
et anc mai tan greu no.m feri,
ni per nulhs colp tan no langui, 
quar no cove ni no s'esca, a, a.


4.      Anc tan suau no m'adurmi 
mos esperitz tost no fos la,  
ni tan d'ira non ac de sa  
mos cors ades no fos aqui; 
mais quan mi resvelh al mati 
totz mos bos sabers mi desva,  a, a.


5.      Ben sai c'anc de lei no.m jauzi,  
ni ja de mi no.s jauzira, 
ni per son amic no.m tenra 
ni coven no.m fara de si; 
anc no.m dis ver ni no.m menti 
e non sai si ja so fara, a, a.


6.      Bos es lo vers, qu'anc no.i falhi, 
et tot so que.i es ben esta;
e sel que de mi l'apenra  
gart se no.l franha ni.l pessi;  
car si l'auran en Caersi   
En Bertrans e.l coms en Tolza, a, a.

7.      Bos es lo vers, e feran hi  
qualque re, don hom chantara, a, a.




Versione metrica di Roberto Gagliardi Cantar non può chi melodia fuggì, nè versi dir chi le parole dà disordinate e rime far non sa: mai la ragione in se costui capì. Perciò comincia il canto mio così, e più che l'udirete, e più varrà, ah, ah. Nessuna meraviglia sia costì s'amo colei che mai non mi vedrà, che d'altr'amore il cuor gioia non ha se non da quella ch'io mai vidi qui: altra letizia mai non m'abbellì e non so quale ben me ne verrà, ah, ah. Mi piaga e uccide il ben che mi colpì, fitta d'amor che tutta ghermirà la carne e il corpo tutto smagrirà; sì forte mai nessuno mi ferì, nè per un colpo il corpo sì languì che non è giusto nè bene sarà, ah, ah. Soave sonno mai qui mi si offrì che l'animo non fosse presto là, nè così grande pena a me fu qua ch'io non volassi rapido fin lì, e quando mi risveglio al nuovo dì tutto il piacere se ne fugge e va, ah, ah. So ben che lei goder non mi sortì, e che di me goder lei non potrà, di sè promessa a me mai non darà, nè a me come a suo amico dirà sì: mai disse il vero a me nè mai mentì, e non so dir se mai lei lo farà, ah, ah. E' bello il canto, senza error finì, e quel che c'è di certo ben ci sta; di quel che ora da me lo apprenderà si possa dir che mai spezzarlo ardì: così a messer Bertrando nel Quercy e al conte di Tolosa giungerà, ah, ah. E' bello il canto di chi fare ambì un qualche cosa che si canterà.
Quan lo rius de la fontana 1. Quan lo rius de la fontana s'esclarzis, si cum far sol, e par la flor aiglentina, e.l rossinholetz el ram volf e refranh et aplana son doutz chantar et afina, dreitz es qu'ieu lo mieu refranha 2. "Amors de terra lonhdana, per vos totz lo cors mi dol!" E no.n puesc trobar meizina si non vau al sieu reclam ab atraich d'amor doussana dinz vergier o sotz cortina ab desiderada companha. 3. Pus totz jorns m'en falh aizina, no.m meravilh s'ieu n'aflam, quar anc genser cristiana non fo, ni Dieu non la vol juzeva ni sarrazina: ben es selh pagutz de mana qui ren de s'amor gazanha! 4. De dezir mos cors non fina vas celha ren qu'ieu plus am; e cre que volers m'engana si cobezeza la.m tol; que plus es ponhens qu'espina la dolors que ab joi sana! Don ja non vuelh qu'om m'en planha. 5. Senes breu de pargamina tramet lo vers, que chantam en plana lengua romana, a.n Hugo Bru par Filhol; bo.m sap quar gens Peitavina de Berri e de Guiana s'esgau per lui e Bretanha
traduzione letterale : 1. Quando il rio della sorgente si fa chiaro, come suole, e sboccia la rosa canina, e l'usignolo sul ramo svolge, riprende e forbisce il dolce suo canto e lo affina, è bene ch'io riprenda il mio. 2. Amore di terra lontana, per voi il cuore mi duole, e non posso trovar medicina, se non nell'eco del vostro nome, al male di esser privato di dolce amore nel verziere o dietro cortina, in compagnia beneamata. 3. Poiché non ne ho mai l'occasione, non c'è da stupirsi se lo bramo: non vi fu mai, né Dio lo vuole, più bella cristiana, né giudea o saracena. E' ben pagato con manna chi guadagna un po' del suo amore. 4. Il mio cuore non finisce di desiderare quella che io più amo; e credo che il volere mi inganna, perché la concupiscenza me la toglie; è più pungente della spina il dolore che la gioia d'amore risana; dunque non voglio che mi si compianga. 5. Quando ho modo di pensare a lei, allora la bacio e l'abbraccio, ma poi torno e mi rigiro: mi esaspera e m'infiamma che il fiore non dia frutto. La gioia che mi tormenta abbatte le mie fierezze. 6. Senza foglio di pergamena invio questi versi cantando, in schietta lingua romanza, a Messer Ugo Bruno, per mezzo di Filhol. Sono lieto che la gente del Poitou, del Berry e di Guienna da lei sia rallegrata, e anche la gente di Bretagna. versione metrica: Se il rivolo della fontana Se il rivolo della fontana si schiara siccome far suole e rosa nel bosco é regina e già l'usignolo sul ramo canzon variata fa e piana e leviga il canto e l'affina è giusto se il mio l'accompagna. Amore di terra lontana per voi tutto il cuore mi duole, nè posso trovar medicina se non vado al suo richiamo: amor calda e soffice lana, tra i fiori oppur sotto cortina insieme all'ambita compagna. Non posso mai averla vicina per questo nel fuoco son gramo; gentile al par d'essa cristiana mai visse, perchè Dio non vuole, nè visse giudea o saracina; si nutre di manna sovrana chi un po' del suo amore guadagna. Anelo di sera e mattina a quella che amore più chiamo; la voglia la mente fa insana, la brama mi ruba quel sole, più acuta puntura che spina è il duolo che gioia risana: nè lacrima voglio compagna. Non carta ricerco anche fina, quel vers lo avrà che cantiamo in lingua sincera romana Ser Ugo, cantando parole Fillol: e canzon pittavina sarà, e di Berri e di Guiana, e gioia poi porti in Bretagna.
Lanqan li jorn son long en mai 1. Lanqan li jorn son long en mai m'es belhs dous chans d'auzelhs de lonh, e quan me sui partitz de lai remembra.m d'un amor de lonh; vau de talan embroncx e clis, si que chans ni flors d'albespis no.m platz plus que l'iverns gelatz. 2. Ja mais d'amor no.m jauzirai si no.m jau d'est'amor de lonh, que gensor ni melhor no.n sai ves nulha part, ni pres ni lonh; tant es sos pretz verais e fis que lay, el renh del Sarrazis, fos ieu per lieys chaitius clamatz! 3. Iratz e jauzens m'en partrai s'ieu ja la vei, l'amor de lonh: mas no sai quoras la veyrai, car trop son nostras terras lonh: assatz hi a pas e camis, e per aisso no.n suy devis: mas tot sia cum a Dieu platz! 4. Be.m parra joys quan li querrai, per amor Dieu, l'alberc de lonh; e s'a lieys platz, albergarai pres de lieys, si be.m de lonh: adoncs parra.l parlamen fis, quan drutz lonhdas er tan vezis qu'ab bels digz jauzira solatz. 5. Be tenc lo Senhor per verai per qu'ieu veirari l'amor de lonh; mas per un ben que m'en eschai n'ais dos mals, quar tan m'es de lonh. Ai! car me fos lai pelegris, si que mos fustz e mos tapis fos pels sieus belhs uelhs remiratz! 6. Dieus que fetz tot quant ve ni vai e formet cest'amor de lonh mi don poder, que cor ieu n'ai, qu'ieu veya cest'amor de lonh, verayamen, en tals aizis, si que la cambra e.l jardis mi resembles tos temps palatz! 7. Ver ditz qui m'apella lechai ni deziron d'amor de lonh, car nulhs autres joys tan no.m plai cum jauzimens d'amor de lonh, mas so qu'ieu vuelh m'es atahis, qu'enaissi.m fadet mos pairis qu'ieu ames e no fos amatz. 8. Mas so qu'ieu vuelh m'es atahis, qu'enaissi.m fadet mos pairis qu'ieu ames e no fos amatz.
Traduzione letterale : 1. Allor che i giorni sono lunghi a maggio, mi piace il dolce canto degli uccelli di lontano, e quando mi sono partito di là mi ricordo di un amor lontano. Vado per il desiderio imbronciato e a capo chino, così che né canto né fior di biancospino mi giovano più dell'inverno gelato. 2. Mai d'amore io godrò se non godo di questo amor lontano, perché non conosco (donna) più nobile e buona in nessun luogo, vicino o lontano; tanto è il suo pregio verace e fino che là, nel regno dei Saraceni, fossi io per lei tenuto prigioniero! 3. Triste e gioioso me ne partirò, dopo averlo visto, l'amore lontano: ma non so quando la vedrò, perché le nostre terre sono troppo lontane: vi sono molti valichi e strade, e perciò non posso indovinare (quando la vedrò): ma sia tutto secondo la volontà di Dio! 4. Mi sembrerà certo gioia quando io le chiederò, per amore di Dio, l'albergo lontano, e, se a lei piaccia, abiterò presso di lei, anche se di lontano: dunque sarà fino il parlare, quando l'amante lontano sarà tanto vicino, che sarà consolato dalle belle parole 5. So bene che il Signore è veritiero, per questo io vedrò l'amor lontano; ma per un bene che ne traggo ne ho due mali, tanto sono lontano. Ahi! perchè non sono andato laggiù da pellegrino, così che il mio bordone e la mia schiavina fossero visti dai suoi begli occhi! 6. Dio che fece tutto ciò che viene e va e creò questo amor lontano mi dia la possibilità, che io certo lo voglio, di vedere questo amor lontano; veramente, con tale agio che la camera e il giardino mi ricordino sempre dei palazzi! 7. Dice il vero chi mi chiama ghiotto e desideroso dell'amor lontano, che null'altra gioia tanto mi piace come il godere dell'amor lontano. Ma ciò che voglio mi è negato, che così mi dette in sorte il mio padrino, che io amassi e non fossi amato. 8. Ma ciò che voglio mi è negato, che così mi dette in sorte il mio padrino, che io amassi e non fossi amato. Versione metrica: Allor che i giorni son lunghi a maggio Allor che i giorni son lunghi a maggio son dolci i canti di uccelli da lontano, e se poi via di lì faccio viaggio mi risovvengo di un amor lontano. Di desiderio vado mesto e chino tanto che canto o fior di biancospino non mi è più grato che inverno gelato. Io non avrò mai più d'amor vantaggio se non godrò di questo amor lontano; bella o miglior trovare non sono saggio in nessun luogo prossimo o lontano. Tanto il suo pregio è veritiero e fino che io laggiù nel regno saracino foss'io per lei in catene imprigionato Felice e triste nuove cose assaggio pur di vedere questo amor lontano, ma non so quando di lei veda un raggio, le nostre terre stan troppo lontano! Quanti valichi! ed è lungo il cammino, perciò saper non posso il mio destino: ciò che Dio vuole mi sia tutto dato. Gioia se avrò di chiederle coraggio per compassion rifugio da lontano; e se lei vuole metterò ancoraggio, vicino a lei, pur se di lontano. Sarà a quel punto il nostro incontro fino, quando l'amante lontano sia vicino, di bel parlare in gioia consolato. Io so che Dio parlò vero linguaggio, perciò vedrò l'amor mio lontano; attendo questo come un bel miraggio, ma n'ho due mali, tanto m'è lontano. Ah! foss'io là siccome un pellegrino ed il bordone col saio da vicino dai suoi begli occhi fosse rimirato. Dio fece il mondo ch'è un lungo passaggio e creò questo amore di lontano: consenta al cuore ch'io l'ho di buon lignaggio che presto veda questo amor lontano: ma veramente in luogo adatto e fino sì che la camera allora ed il giardino sempre saran per me palazzo ornato! E' vero, il mio desiderio è selvaggio, sono bramoso d'amore di lontano, di questa gioia sola sono ostaggio, voglio il piacere dell'amor lontano. Ma la mia vigna non produce vino, che mi stregò in tal modo il mio padrino da far ch'io ami e che non venga amato. Ma la mia vigna non produce vino, che mi stregò in tal modo il mio padrino da far ch'io ami e che non venga amato.
Quan lo rossinhols el folhos 1. Quan lo rossinnhols el folhos dona d'amor e.n quier e.n pren e mou son chan jauzent joyos e remira sa par soven e.l riu son clar e.l prat son gen, pel novel deport que renha mi ven al cor grans joys jazer 2. D'un'amistat sui enveyos, quar no sai joya plus valen, c'or e dezir, que bona.m fos, si.m fazia d'amor prezen, que.l cors a gras, delgat e gen e ses ren que.y descovenha, e s'amors bon'ab bon saber. 3. D'aquest'amor suy cossiros vellan e pueys sompnhan dormen, quar lai ay joy meravilhos, per quì'ieu la jau jauzitz jauzen: mas sa beutatz no.m val nien, quar nulhs amicx no m'essenha cum ieu ja n'aia bon saber. 4. D'aquest'amor suy tan cochos que quant ieu vau ves lieys corren vejaire m'es qu'a reusos m'en torn e qu'ela.s n'an fugen; e mos cavals i vai tan len greu er qu'oimais i atenha, s'Amors no la.m fa remaner. 5. Amors, alegre.m part de vos per so quar vau mo mielhs queren, e suy en tant aventuros qu'enqueras n'ay mon cor jauzen, la merce de mon Bon Guiren que.m vol e m'apell'e.m denha e m'a tornat en bon esper. 6. E qui sai rema deleytos e Dieu non siec en Belleen no sai cum ja mais sia pros ni cum ja venh'a guerimen, qu'ieu sai e crei, mon escien, que selh qui Jhesus ensenha segur'escola pot tener.
Traduzione letterale : 1. Quando l'usignolo nel fogliame dona amore e ne chiede e ne prende, godendo modula il suo canto in gaiezza, sempre mirando la sua compagna, e i ruscelli sono chiari e i prati ridenti per la nuova allegria che vi regna, allora una gran gioia prende dimora nel mio cuore. 2. Di un'amicizia son voglioso, poiché non so ricompensa più grande, che mi darebbe giovamento se lei mi facesse dono d'amore: ha il corpo pieno, delicato e gentile, non c'è niente che ne alteri la grazia, il suo buon amore ha buon sapore. 3. Per questo amore sono in pensiero, ch'io vegli o sogni dormendo, poiché li sta la mia gioia stupenda, nel godere gioioso di lei che gode. Ma la sua bellezza non mi giova, poiché nessun amico m'insegna come gustarne il sapore. 4. Da questo amore sono tanto stretto che quando corro verso di lei mi sembra di camminare all'indietro e che lei mi stia sfuggendo. Il mio cavallo è tanto lento che temo di non poterla raggiungere se lei non mi vuol aspettare. 5. Amore, parto contento da te, poiché vado a cercare il mio meglio e fuggo verso tale avventura che ancora il mio cuore gioisce. Tuttavia per il mio Buon Garante, che mi vuole e mi chiama e mi stima, devo spartire il mio desiderio. 6. Colui che regna qui nel diletto e non va a servire Dio a Betlemme, non so come possa mai esser prode né come possa ottenere la salvezza. Io so e credo per fede certa che solo colui che segue Gesù pub essere a una buona scuola.
Belhs m'es l'estius e.l temps floritz 1. Belhs m'es l'estius e.l temps floritz quan l'auzelhs chanton sotz la flor, mas ieu tenc l'invern per gensor quar mai di joy m'y es cobitz; et quant hom ve son jauzimen es ben razos es avinen qu'om sia plus coyndes e gais 2. Er ai ieu joy e sui jauzitz e restauratz en ma valor, e non irai jamai alhor ni non querrai autruiconquistz; qu'eras sai ben az escien que celh es savis qui aten e celh es folhs qui trop s'irais. 3. Lonc temps ai estat en dolor et de tot mond afar marritz qu'anc no fuy tant fort endurmitz que no.m rissides de paor; mas aras vey e pes e sen que passat ai aquel turment, e non hi vuelh tornar ja mais 4. Mout mi tenon a gran honor tug cilh cui ieu n'ey obeditz, quar a mo joi sui revertitz; e laus en lieys e Dieus e lor, qu'er an lur grat e lur prezens; e que qu'ieu m'en anes dizen, lai mi remanh e lai m'apais. 5. Ma per so m'en sui encharzit, ja no.n creyrai lauzenjador; q'anc no fur tan lunhatz d'amor qu'er no.s sia sals e gueritz. Plus savis hom de mi mespren per qu'ieu sai ben az escien qu'anc fin'amors home non trais. 6. Mielhs mi fora jazer vestitz que despolhatz sotz cobertor; e puesc vos en traire auctor la nueit quant ieu fui assalhitz: totz temps n'aurai mon cor dolen, quar aissi.s n'aneron rizen, qu'enque en sospir e.n pantais. 7. Mas d'una res sui en error e.n estai mos cor esbaitz: que tot can lo fraire.m desditz aug autrejar a la seror; e nulhs hom non a tan de sen, que puesc'aver cominalmen, que ves calque part non biais. 8. El mes d'abril a de pascor can l'auzelhs movon lur dous critz, adoncs vuelh mos chans si' auzitz; et aprendetz lo, chantador! E sapchatz tug cominalmen qu'ie.m tenc per ric e per manen, car sui descargatz de fol fais.
Traduzione letterale : 1. Mi piace l'estate e il tempo fiorito, quando gli uccelli cantano sotto i fiori; ma ritengo migliore l'inverno, poiché mi è accordata la gioia suprema. E quando uno si vede soddisfatto, è giusto e opportuno che sia più gentile e allegro. 2. Dunque ora sono gaio e giocondo, reintegrato nel mio valore; non me ne andrei, mai altrove, né cercherei, altre conquiste, poiché ora so bene e son certo che è saggio solo chi sa aspettare, ed è folle colui che si spazientisce. 3. A lungo ho vissuto nel dolore, e affranto per quel che mi capitava, tanto che non dormivo mai così profondamente da non svegliarmi dalla paura. Ma ora vedo e penso e sento che ho superato quel tormento, e non voglio ricadervi mai. 4. Molto se ne congratulano tutti quelli a cui ho dato ascolto, poiché sono tornato alla mia gioia. Sia lode a lei e a Dio e a loro, che ne hanno il merito e la ricompensa. Qualunque cosa andassi dicendo, lì mi riposo e lì mi appago. 5. E poiché me ne sono avvantaggiato, non darò più retta ai maldicenti. Non son mai stato tanto discosto da amore, quanto ne sono ora salvo e guarito. Chi è più saggio di me si sbaglia, poiché so bene, per scienza certa, che il perfetto amore non tradisce il suo fedele. 6. Sarebbe stato meglio per me coricarmi vestito, piuttosto che spogliato sotto le coperte, e posso darvene come prova quella notte che fui aggredito. Ne avrò sempre il cuore dolente, perché se ne andarono ridendo, e ancora ne sospiro e mi tormento.
Pro ai del chan ensenhador 1. Pro ai del chan ensenhador entorn mi et ensenharitz: pratz e vergiers, albres e flors voutas d'auzelhs e lays e critz, per lo dous termini suau, qu'en un petit de joy m'estau don nulhus deportz no.m pot jauzir tan cum solatz d'amor valen. 2. Las pimpas sias als pastors et als enfans burden petitz, e mias sion tals amors don ieu sia jauzens jauzitz! Qu'ieu la sai bona tot'aitau ves son amic en greu logau; per so.m sen trop soen marrir quar no n'ai so qu'al cor m'aten. 3. Luenh es lo castelhs e la tors on elha jay e sos maritz, e si per bos cosselhadors cosselhan non suy enantitz qu'autre cosselhs petit me'n vau aitant n'ay fin talan corau alres no.y a mais del murir, s'alqun joy no.n ai en breumen. 4. Totz los vezis apel senhors del renh on sos joys fo noyritz; e crey que.m sia grans honors quar ieu dels plus envilanitz cug que sion cortes lejau; ves l'amor qu'ins el cor m'enclau ai bon talant e bon albir e say qu'ilh n'a bon escien. 5. Lai es mos cors si totz c'alhors non a ni sima ni raitz, et en dormen sotz cobertors es lai ab liels mos esperitz; et s'amors mi revert a mau, car ieu l'am tant e liei non cau; tost veirai ieu si par sufrir n'atendrai mon bon jauzimen. 6. Ma voluntatz se'n vay lo cors, la nueit e'l dia esclarzitz, laintz per talant de son cors; mas tart mi ve e tart mi ditz: "Amicx, fa celha, gilos brau an comensat tal batestau que sera greus a departir, tro qu'abdui en siam jauzien" 7. Per so m'en creis plus ma dolors car non ai lieis en luecs aizitz, que tan no fau sospirs e plors q'us sols baizars per escaritz lo cor no.m tengues san e sau. Bona es l'amors e molt pro vau e d'aquest mal mi pot guerir ses gart de metge sapien.
Traduzione letterale :
Qui non sap esser chantaire
1. Qui non sap esser chantaire, braire deu quant au lo ver sonar clar que son per tot mesclat prat e'l rozal del mati s'espan blan sobre l'erba josta'l sauza. 2. Non aus semblan ni vejaire faire qu'eu 1'am ni l'aus desamar ar q'en amor son drut mirat fat e'il fals amador ab engan van cui amors engann'e bauza. 3. Non es rers m emperaire gaire que l'ause'l mantel drechar var ni far q'ague acatat rat. Ric me fai la noig en somnian, tan m'es vis q'en mos bratz l'enclauza. 4. Lai n'irai el sieu repaire, laire, em peril q'om de passar mar. Si de mi no'il pren pitat, at fer freg. Las! tan la vau pregan qan ni ja ren de leis me'n jauza! 5. Si no'm vol amar m'amia, dia, pos eu 1'am, s'il m'amara ja, q'ieu sui al seu mandamen, gen, e.il serai si'm vol retener: Ver li dirai, q'autres li menta!
Traduzione letterale :
Lanquan lo temps renovelha 1. Lanquan lo temps renovelha e par la flors albespina, ai talant d'un chant novelh qu'ieu sai cum lo chans refrì ............................. ............................ doussament per miey la bruelha lo rossinhol s'esbaudeya. 2. E quand lo bòsc reverdeya, nays fresca e vertz la fuelha, adoncas ieu reverdey de joy e florisc cum suelh, ab lo dous chan del mati que fan d'amor li auzelh ........................... jauzens somon a l'aurelha. 3. E pus l'us l'autre s'enselha, e'l par ves sa par s'aizina, de nos es dregz que s'enselh quascus d'atretral aizì, ab fin'amor, ses erguelh. Qu'ieu conosc assatz e vey, pus la malvestatz s'orguelha, qu 'amor non deu far enveya. 4. Joys ab amar cabaleya, e's veston d'una despuelha, e cui que desabaley, d'escassedat mi despuelh; amors si senh ab joy fi e joys fa d'amor capdelh, e malvestat que no fina, bayssa prez e'l descapdelha. 5. Cortezament assembelha amors vera e s'afina, que de jo fa son sembelh, per qu'ieu plus ves lieys acli e malvestat dezacuelh pretz que no sap on s'estrey. Per qu'ieu laus jovens acuelha amors e ab lieys esteya. 6. Sobre'ls melhors senhoreya mos chan en qual guiza'm vuelha, e'ls motz laissans senhorey e'ls say dir aissi cum vuelh. E vec vos del vers la fi qu'En Grimoartz vos espelh: qu'ab joy lo las' e l'afina si's qui bel chant ni l'espelha.
Copyright: Roberto Gagliardi - Accademia Jaufré Rudel (1997)